App4Mi sceglie il vincitore

Il contest promosso dal Comune di Milano entra nel vivo: si vota per scegliere l’applicazione che meglio delle altre semplificherà la vita ai milanesi

APP4MI 600X400

Sessantaquattro applicazioni, 20mila euro complessivi in palio e un mese alla premiazione finale. Il concorso App4Mi, dedicato all’utilizzo degli open data del Comune di Milano e organizzato dall’amministrazione stessa, RCS MediaGroup e dall’incubatore Digital Magics è entrato nella fase più calda, quella conclusiva. Le 64 app selezionate (la carrellata è disponibile qui) vengono votate dagli internauti e da una giuria di esperti composta da personaggi di riferimento del settore come Andrea Rangone, delegato del Rettore per l’incubatore PoliHub del Politecnico di Milano; Giorgio Rapari, presidente Assintel; Guido Albertini, direttore centrale dei Sistemi Informativi e dell’Agenda Digitale del Comune di Milano; Vincenzo Scarlato, head of Innovation & New Producs Vodafone; Enrico Gasperini, fondatore di Digital Magics.

Gli sviluppatori, come detto, hanno pescato nel calderone dei dati aperti di Palazzo Marino per creare soluzioni che rendano la vita più facile a chi si sposta e cerca un posto o un servizio nel capoluogo lombardo. In particolare, ad andare per la maggiore sono le app collegate al servizio di bike sharing, BikeMi. BikeMore, ad esempio, si propone come Cicerone per portarti alla stazione più vicina. BikeNav4Mi giunge invece in soccorso di chi sta cercando piste ciclabili, mentre Bike4Milan integra la ricerca delle due ruote con quella di musei, percorsi, hotspot wi-fi e strutture mediche. Interessante BikeDistrict, che si occupa di segnalare il percorso più adatto a chi si sposta in bicicletta valutando la sicurezza e la comodità delle strade e inserendo, sempre andando a proporre il tragitto più breve, zone pedonali e parchi nello spostamento.

I creatori di Wifi4Mi si sono occupati in maniera specifica delle connessioni senza fili. Oltre a individuare gli hotspot più vicini della rete meneghina, l’app avvisa con una notifica se ci si trova in una zona coperta e in futuro sarà in grado di permettere allo smartphone di autenticarsi direttamente senza dover inserire ogni volta le proprie credenziali. Next Charge ha aggiunto Milano alle città recensite per ciò che concerne i punti di ricarica per le auto elettriche. All’interno dell’app sono presenti più di 30mila luoghi. Meritano infine una menzione DoveSiButta, provvidenziale strumento per trovare il cassonetto giusto per ogni rifiuto, farmaci compresi, e QuoliMi, probabilmente l’idea più particolare. L’app prova a individuare la zona della città più adatta all’utente, basandosi sulle informazioni inserite.

L’elezione del vincitore è in calendario per giovedì 10 ottobre.

FaceApp mania: il tormentone dell’old effect contagia tutti

Quando si tratta di tendenze social, il mondo dei Vip (e non solo) è sempre in prima fila. Negli ultimi giorni, è scoppiata la #FaceappChallenge. Ammesso che ci sia ancora qualcuno a non sapere di cosa si tratta, spieghiamo cosa è, e come funzione FaceApp

Gli studenti di Benevento conquistano il terzo posto nella competizione europea di educazione imprenditoriale

Con la loro startup Farm Animal Trade, gli studenti dell’ITIS Lucarelli di Benevento si aggiudicano la medaglia di bronzo della Junior Achievement Europe Company of the Year Competition, la competizione europea di educazione imprenditoriale

Canon affida al crowdfunding la sua nuova action cam indossabile

Non solo le startup, ma anche i colossi si affidano al crowdfunding. E’ il caso di Canon che ha scelto di affidare la nascita della nuova camera ultracompatta e indossabile a una campagna di crowdfunding su Indiegogo, che nel giro di poco va in sold out

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv