I 6 vincitori dello Uk-Italy Springboard

Qurami, l’app ammazzafile romana, prima allo Uk-Italy Springboard. I premi sono periodi di incubazione in istituzioni inglesi e la partecipazione allo StartupInitiative

UkIta

Qurami, TitaC e S4A Scandium for Aerospace sono le tre startup vincitrici dell’edizione 2013 di UK-Italy Springboard, competizione per giovani imprese organizzata da UK Trade & Investment. Gloria anche per Alleantia e Resolvo, che si sono aggiudicate il riconoscimento Special Tech Ciry, e Sia Areospace, vincitrice del premio Special Aerospace. In palio c’erano un periodo di incubazione nei SETSquared Incubators, un mese nell’incubatore aerospaziale britannico STFC Innovations Technology Access Center e la partecipazione a una tappa dell’Intesa Sanpaolo StartUp Initiative, altra vetrina dedicata agli spunti imprenditoriali più promettenti.

Ecco di cosa si occupano le startup vincitrici.

Qurami: fondata nel febbraio del 2011, è un’applicazione che permette agli utenti di prenotare con lo smartphone e a distanza il loro posto in fila, evitando così fastidiose code

TitaC: realizza prodotti al biossido di titanio ad attività fotocatalitica con proprietà antinquinanti e igienizzanti.

Scandium for Aerospace S4A: opera nel settore dei nuovi materiali e delle tecnologie manifatturiere per l’industria aerospaziale. Per il 34% è controllata dal Centro italiano di Ricerca Aerospaziale e per il 66% da Advanced Light Alloyos Corporation.

Alleantia: agisce nel settore dell’Internet of Things e si rivolge alle aziende con prodotti in grado di controllare gli oggetti a distanza.

Resolvo: si rivolge alle aziende con il suo sistema di gestione dell’intero iter dei progetti.

Sia Areospace: realizza prodotti per la sicurezza degli elicotteri ed è incubata nel Polihub del Politecnico di Milano.