The Italian Travel Appeal

Una nuova startup incubata da H-Farm: Travel Appeal, di Mirko Lalli, che trova soluzioni per il mercato turistico italiano. “Mi serve solo un in bocca al lupo”

travel appeal 600x400

Che l’Italia sia una delle mete turistiche preferite lo si sapeva. Che il Bel Paese avesse ancora molta strada da fare anche. Che qualcuno avesse una soluzione per eliminare gli elementi frenanti al settore turistico invece è cosa nuova.Travel Appeal è la risposta.
Mirko Lalli, Founder e CEO della startup, dopo 15 anni di esperienza nel settore Marketing e Comunicazione digitale, aver coordinato i progetti “ToscanaLab“, “Internet Bene Comune” e “Voglio vivere così“, essere docente presso Master in Comunicazione d’Impresa a Siena e del Master in Social Media Marketing a Milano, ha deciso che si doveva mettere in gioco. Il turismo è sempre stata una sua passione. Ha collaborato all’ideazione e alla realizzazione di BTO – Buy Tourism Online fin dalla prima edizione e quest’anno presenterà Travel Appeal.

Ma che tipo di soluzioni dà? Partiamo dai problemi. Il settore turistico è uno degli elementi chiave dell’economia italiana, ma ha due freni che non le permettono di accelerare.

Il primo è un’offerta non allineata con le esigenze dei viaggiatori contemporanei. L’altro è una strategia di marketing e comunicazione inadeguata. Travel Appeal nasce per fornire gli strumenti concettuali per capire i comportamenti dei turisti di oggi, viaggiatori che scelgono le mete e si muovono sempre di più grazie agli strumenti digitali e alle piattaforme presenti su Internet. Di conseguenza, la startup riesce a realizzare dei progetti di comunicazione digitale in linea con i comportamenti studiati.

H-Farm, l’incubatore di Roncade fondato da Donadon, ha voluto credere in questo progetto e l’ha inserita nel proprio ecosistema. Ma non è finita qui. Travel Appeal contribuirà a far nascere e crescere altre startup che abbiano prodotti e servizi destinati al mercato del turismo e dell’enogastronomia.

Nel frattempo hanno messo a punto una metodologia per la misurazione dell’Appeal turistico di una destinazione. Si chiama Travel Appeal Index Score ed è un valore risultante da centinaia di variabili che vanno ad analizzare gli aspetti che influiscono sulla percezione della destinazione in termini di “sentiment” e “reputation”, sulla capacità organizzativa e di marketing e sulle performance in ambito turistico ricettivo.

L’edizione del BTO di quest’anno sarà l’occasione per presentare il Travel Appeal Index Digital delle sei regioni italiane preferite dai turisti e, naturalmente, sarà il trampolino di lancio di Travel Appeal.

“Da parte vostra mi serve solo un in bocca al lupo!” commenta Lalli.

Che dire dunque? In bocca al lupo e soprattutto buon viaggio!

The Italian Travel Appeal

Una nuova startup incubata da H-Farm: Travel Appeal, di Mirko Lalli, che trova soluzioni per il mercato turistico italiano. “Mi serve solo un in bocca al lupo”

Le 1000 donne che stanno cambiando l’Italia: Unstoppable Women

Da qualche anno stiliamo una lista delle donne da seguire nell’innovazione in Italia: fondatrici, manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno e che potrebbero essere d’esempio per averne molte di più e ogni volta ci meravigliamo della loro numerosità. A questo punto ci aiutate a scovarne 1.000?

Addio biglietti da visita, basta una stretta di mano per scambiarsi i contatti

Basta una stretta di mano per scambiarsi i nuovi contatti e averli direttamente memorizzati in rubrica. Stiamo parlando di Airbusinesscard, il braccialetto smart che manda in pensione i biglietti da visita cartacei

Impossibile Foods: in arrivo il pesce senza pesce

E’ l’ultima novità di Impossibile Foods, l’azienda della Silicon Valley fondata dal biologo molecolare Pat Brown: pesce che ha il sapore di pesce ma pesce non è. Obiettivo, proporre entro il 2035 un’intera gamma di sostituti vegetali per ogni tipo di prodotto a base animale

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.